--
Paese di destinazione : Stati Uniti
Contatta il Servizio Clienti

Family Concept Store

Designers Remix Girls

Designers Remix Girls

Destinata ai fashionistas dai 6 fino ai 16 anni, Designers Remix Girls è la marca trendy per eccellenza. Charlotte Eskildsen, la talentuosa designer svedese, ha trasformato la collezione donna di Designers Remix in vestiti per bambine.  Spesso all’avanguardia  ed innovativa, la collezione Designers Remix Girls non smette mai di stupire. Qualità delle materie e rifiniture curate nei minimi dettagli, Designers Remix Girls si ispira al meglio della moda femminile per creare vestiti per bambini ultra stilosi che restano, come è giusto che sia, dei vestiti per bambini.
Per saperne di più
 
INTERVISTA AL FONDATRICE DI DESIGNERS REMIX GIRLS, CHARLOTTE ESKILDSEN
Charlotte Eskildsen è la fondatrice e direttrice creativa di Designers Remix, un marchio di moda donna nato nel 2002 con l'aiuto del marito Niels Eskildsen. Cinque anni dopo è nata Designers Remix Girls, la versione per bambine creata dalla danese, oggi mamma di due bimbe, Smilla e Sofine. Ci confida che, con la nascita della sua prima figlia, ha "sentito il bisogno di creare una linea per bambini" , ci parla del suo amore per l'architettura, fonte d'ispirazione per i suoi modelli, e del suo desiderio di realizzare una linea di abbigliamento alla moda per delle vere mini-fashionistas. Rock’n’roll!
 

 

Perché hai scelto di lavorare nella moda?

Sono cresciuta in una famiglia molto creativa ed è una cosa che fa parte di me. Mi sono sempre interessata all'architettura e al design danese. Penso che siano state tutte queste immagini assorbite durante la mia infanzia a portarmi nel mondo della moda. Ancora oggi, mi piace cimentarmi nelle arti figurative con i miei figli, come nel disegno o nella decorazione di oggetti. Vorrei sicuramente trasmettergli la mia creatività.
 

Com'è nata la marca Designers Remix?

Ho cominciato personalizzando o "remixando" dei vecchi abiti, trasformandoli in capi nuovi e moderni. Nel 2002, io e mio marito abbiamo messo su Designers Remix con questa idea di creare degli abiti di qualità che riflettessero i miei gusti personali e la mia personale visione del design. Oggi, la marca si caratterizza per l'aspetto contemporaneo: le collezioni hanno un tocco di stile scandinavo, una linea tutta femminile e sono profondamente ispirate dalla tradizione del design danese. Voglio creare degli abiti in cui le donne possano sentirsi belle e di cui non si disferanno mai. Questo perché, per Designers Remix, lo stile e la qualità vanno di pari passo.
 

Tuo marito è il direttore generale del marchio, com'è lavorare in famiglia?

Molti pensano che lavorare a stretto contatto con l'uomo con cui condividi la vita, e con cui hai due figli, sia una lotta continua. Ma sinceramente, devo dire che sono davvero contenta di avere un simile appoggio 24h/24h. Non sarei dove sono adesso senza mio marito. Amiamo entrambi il nostro lavoro, quindi condividere con lui questa meravigliosa avventura è un sogno diventato realtà.
 

Quando ti è venuto in mente di fare anche una linea per bambini?

Quando la mia famiglia si è allargata, nel 2006, ho deciso di aggiungere una collezione mini, ispirata alle linee da donna. Non mi sarei mai lanciata in questo settore se non fossi diventata mamma. Con dei figli si è veramente ispirati e pieni di energie. Il nostro obiettivo è creare dei capi moderni, alla moda, in cui possano comportarsi da bambini. Credo che debbano essere sempre pronti per fare qualche piccola monelleria. Adoro la loro fantasia. In un certo senso, il loro mondo è molto più grande del nostro. E noi vorremmo far parte dei sogni di moda di queste mini-fashionistas. 
 

 

Come crei la collezione?

Spesso comincio disegnando, appena vedo qualcosa che mi fa venire voglia di prendere in mano la matita. Un disegno tira l'altro, poi la mia mente comincia a giocare con le idee che si sviluppano attorno a un concetto. Quando individuo il filo conduttore tra il disegno e il concetto, butto la maggior parte delle idee nella spazzatura e mi concentro sui modelli che meglio si addicono alla collezione nel suo insieme. Il processo creativo di Designers Remix Girls è legato a quello delle collezioni per adulti. Di solito è una mini versione delle pre-collezioni di Designers Remix. Togliamo alcuni modelli, e aggiungiamo altri capi adatti ai bambini. Dobbiamo rispettare e tenere a mente alcuni aspetti pratici dell'abbigliamento per bambini, e scegliere soprattutto dei tessuti di qualità che durino più tempo possibile. In particolare, vogliamo che i capi siano comodi per permettere alle bimbe di godersi la loro infanzia.
 

Sei mamma di due bimbe, in che modo ti ispirano nel lavoro?

Ho creato Designers Remix Girls perché non riuscivo a trovare vestiti che avrei voluto fare indossare alle mie figlie. È sempre tutto troppo "girly", con stampe a fiori e colori pastello. Non volevo assolutamente che le mie figlie sembrassero delle principessine. L'essenza stessa del marchio è rappresentata dalla nostra giacca in pelle Aida Soft Biker. Dà veramente l'idea di una piccola me a capo del marchio.
 

 

 

 

Quali sono le tue fonti di ispirazione?

Vado continuamente all'estero per trovare l'ispirazione. Mi capita di trovarla nei grattacieli, nell'atmosfera del luogo, nei siti in costruzione, come nei concept store o nell'arredamento. Mi ispiro molto al design danese, in particolare al lavoro di Arne Jacobsen. Si è occupato del design interno ed esterno del Radisson Blue Royal Hotel di Copenaghen e, nella collezione autunno/inverno 2016 di Designers Remix, ho dedicato una serie di motivi proprio a questo hotel. 

 

Da dove nasce questa passione per l'architettura?

Nasce dal mio interesse per l'arredamento di design. Sono sempre stata affascinata dal design scandinavo, iconico e audace, ridotto alla semplicità. Si percepisce poi nel mio modo di concepire e immaginare i modelli. Nella mia testa, disegno in 3D. Le silhouette e i materiali sono molto più importanti delle fantasie, non vedrete mai un'intera collezione a fantasia. Per me, tutto parte dal modello. La linea Remix Ruffles è un ottimo esempio del modo in cui vengono lavorati alcuni tessuti e della realizzazione di tagli che rappresentino una sfida sia per il loro design che per la struttura.

 

Quali sono i tuoi posti preferiti a Copenaghen?

Anche se viaggio molto e visito posti stupendi in tutto il mondo, amo davvero Copenaghen. Il quartiere in cui si trova il nostro QG, Pilestraede, è davvero fantastico per lo shopping, e ci sono anche i bar migliori. A chi, come me, è affascinato dall'architettura, consiglio di visitare la parte più moderna della città, Orestad. Poi c'è il giardino della regina sul mare. La fontana immensa che c'è al centro, di fronte la Royal Opera House, lascia senza parole.

 

Come descriveresti la tipica bambina Designers Remix Girls?

La bambina Designers Remix Girls ha tra gli 8 e i 14 anni. È una bambina alla moda, sicura di se, esce dalla massa ed è d'ispirazione per le sue amiche. Sfonda ogni giorno la frontiera dell'abbigliamento, e sa bene come esprimersi attraverso lo stile personale. Il suo look per eccellenza è una salopette in pelle, dei volant molto femminili e una giacca biker in pelle. Il tutto reso ancora più frizzante da dei finti tatuaggi, come una piccola rock star. È una vera amante della moda in miniatura che vive con i ritmi frenetici della società digitale di oggi.

 

Come avvengono gli shooting?

Cerchiamo sempre di trovare un luogo che sia adatto al messaggio chiave della collezione. E per conservare il rapporto personale che ho con il marchio, per i lookbook di Designers Remix Girls fotografiamo solo le mie figlie e le loro amiche. È sempre divertente, ma anche molto stancante: la collezione è vasta e le bambine amano giocare tra di loro. Non sappiamo mai veramente cosa ne uscirà da uno shooting, ma anche questo fa parte del suo fascino.

 

A cosa si ispira la prossima collezione?

La collezione autunno/inverno 2016 si ispira al movimento Punk e si chiama "Girls Don't Cry", un richiamo a una delle mie canzoni preferite di sempre, "Boys Don't Cry" dei Cure. I colori principali sono il bordeaux, il caramello e il grigio, che ricordano le sfumature delle foglie d'autunno sulla strada. La cultura punk si scorge nel contrasto tra capi rock e modelli molto più femminili o in stile collegiale. La collezione ha un accento molto forte: è ricca di pizzi neri, giacche di pelle, motivi a spina di pesce, pellicce sintetiche stile vintage e cinture borchiate con rivetti e brillantini.

 

Se Designers Remix Girls avesse un motto, quale sarebbe?

Rock on!
 
Chiudere
Ordina per

35 Risultati